Urali (all’anagrafe Ivan Tonelli) è un ragazzo di Rimini che canta e suona la chitarra. Fin qui tutto facile fino a quando non ci si imbatte in Persona (To Lose La Track / Fallodischi / Audioglobe - 2016), un album che ricorda nelle sue sonorità gli ultimi respiri dei 90’years, Sparklehorse e Microphones su tutti. Una voce perfetta esalta i rami degli arpeggi, le parole sono arpe abili e capaci di incastrarsi nei distorti, che preservano al disco il post-rock e i polsi divaricati all’oblio.


Urali (all’anagrafe Ivan Tonelli) è un ragazzo di Rimini che canta e suona la chitarra. Fin qui tutto facile fino a quando non ci si imbatte in Persona (To Lose La Track / Fallodischi / Audioglobe - 2016), un album che ricorda nelle sue sonorità gli ultimi respiri dei 90’years, Sparklehorse e Microphones su tutti. Una voce perfetta esalta i rami degli arpeggi, le parole sono arpe abili e capaci di incastrarsi nei distorti, che preservano al disco il post-rock e i polsi divaricati all’oblio.

Ivan Tonelli è un cantante/chitarrista come pochi nel panorama italiano, è tattile la sua tecnica e la susseguente ricerca del suono. Niente accade per caso, Persona è una camera arredata nei minimi dettagli, allo stesso tempo nulla è stucchevole, una revolver domina la stanza dall’angolo di un letto a due piazze che precede, a sua volta, una parete raffigurante catene montuose innevate.


Ivan Tonelli è un cantante/chitarrista come pochi nel panorama italiano, è tattile la sua tecnica e la susseguente ricerca del suono. Niente accade per caso, Persona è una camera arredata nei minimi dettagli, allo stesso tempo nulla è stucchevole, una revolver domina la stanza dall’angolo di un letto a due piazze che precede, a sua volta, una parete raffigurante catene montuose innevate.


Angelo Sava
marzo, 2016


Angelo Sava
marzo, 2016